Parco delle chiese rupestri

Il Parco Regionale delle chiese rupestri del materano rientra, insieme con i Sassi di Matera, nel Patrimonio mondiale dell'umanità.
Il suo territorio, percorso per 17 km dal profondo canyon della Gravina di Matera, preserva numerosi siti archeologici risalenti al Neolitico e all'Età del Bronzo e diffusi villaggi pastorali che, incisi nella tenera roccia sedimentaria, sono arricchiti dalla presenza di numerose chiese rupestri decorate da singolari pitture ad affresco.
A dare colore e vita al Parco, oltre alle mandrie di mucche podoliche che stazionano in primavera, sono i falchi grillai insieme con il nibbio reale, il capovaccaio, la rarissima cicogna nera e le numerose piante aromatiche, i delicatissimi fiori di lino, le orchidee endemiche, le ferule e gli asfodeli.

PERCORSI TURISTICI | durata 3 ore


1. Percorso Belvedere
Itinerario: (lunghezza 2 km | difficoltà T/E) affaccio panoramico sulla città dei Sassi, percorso sul costone del canyon con visita a una chiesa rupestre, sito neolitico di Murgia Timone, sepoltura dell'Età del Bronzo, struttura rurale del XIX secolo con grotte ipogee
L'escursione prende avvio da una caratteristica struttura rurale denominata Jazzo che, simile a una fortezza in pietra, fu costruito nel XIX secolo sui dolci pendii rocciosi dell'altopiano murgico come ricovero per ovini, oggi trasformato in Centro visita del Parco. A 250 metri dallo jazzo si estende il villaggio neolitico trincerato dove si potranno ammirare le buche di palo e le cisterne per la raccolta delle acque piovane e una monumentale sepoltura dell'Età del Bronzo scavata in prossimità del fossato neolitico. Tornati allo jazzo, con le auto si raggiungerà il piazzale "belvedere" dove, in una posizione privilegiata a ridosso della profonda gravina, si apre uno scenario incredibile offerto dalla città dei Sassi. Percorrendo i sentieri a ridosso del profondo canyon, visiteremo la chiesa rupestre di San Vito alla Murgia (XI secolo) e il Santuario rupestre della Madonna delle tre porte con affreschi del XIII secolo.
Tariffa: € 20,00 a persona (min. 4 partecipanti) | € 60,00 tour esclusivo (per coppia o famiglia)


PERCORSI DI TREKKING | durata 4 ore

1. Dai Sassi al Parco della Murgia a PIEDI
Itinerario: (lunghezza 8 km a/r – difficoltà Escursionistica) attraversamento del canyon
La partenza è nel cuore dei Sassi, in Piazza Postergola, da cui prende avvio un sentiero che permette di raggiungere il torrente Gravina sul fondo del canyon. Scendendo vedremo le piante endemiche del Parco che crescono e fioriscono spontaneamente sulle pareti di roccia calcarea. Giunti sul torrente potremo godere di una veduta eccezionale della città di pietra dal basso verso l'alto. Guadato il torrente per mezzo di un piccolo ponte di legno, si risale sul costone della Gravina seguendo un secolare sentiero che permette di raggiungere le numerose grotte pastorali che sono difronte ai Sassi. Tra esse vi sono chiese rupestri, cisterne singolari per la raccolta delle acque, vasche incise nella roccia per la pigiatura dell'uva e la visuale suggestiva dei Sassi che si estendono al di là del canyon. Raggiunto il piazzale del belvedere, si prosegue verso il Centro visita del Parco, Jazzo Gattini, dove poter degustare prodotti tipici o semplicemente consumare la colazione al sacco, per poi riprendere il sentiero e fare ritorno ai Sassi.
Tariffe: € 30,00 (min. 4 partecipanti) | € 15,00 a persona (da 11 a 25 partecipanti)

**sono necessarie scarpe da trekking, colazione al sacco, impermeabile, cappello per il sole, provvista d'acqua.